Shiatsu

"Dipende". Tutto "Dipende", ogni cosa: "...Dipende!"

Definizione:

"SHIATSU" letteralmente significa: "dito-pressione", pressione effettuata sui "Meridiani" (Canali Energetici) con dita, mani, piedi e ginocchia ed integrata a tecniche come:

  • rotazioni

  • massaggio zonale profondo

  • stiramenti e vibrazioni

con le dovute accortezze e adattando le manovre a culture diverse da quella nipponica. Infatti negli ultimi decenni, lo Shiatsu ha riscontrato una crescente popolarità soprattutto in Europa, Australia e USA. Antica pratica originaria del Giappone, oltre ad ispirarsi alla Medicina tradizionale Cinese (MTC) ed alla filosofia TAO, con influenze di confucianesimo e buddismo, prende spunto dalla tradizione popolare orientale del massaggio, inteso come arte istintiva di sanare attraverso il: "con - tatto".


logo
logo


Il convergere di una serie di influenze, rende lo Shiatsu una espressione terapeutica altamente sofisticata, ma anche semplice attività fisica naturale, istintiva e personale, quindi in continua evoluzione e trasformazione.

A tutt'oggi insegnato nelle migliori università e praticato in ospedali e cliniche ufficiali giapponesi, lo Shiatsu può essere adottato anche come prevenzione, ma è bene affidarsi in ogni caso a professionisti certificati.

Indicato per chiunque lo desideri o ne senta la necessità, occorre prendere contatto per stabilirlo con maggior certezza.

Lo Shiatsu, in un contesto più ampio e dettagliato, è indicato per problemi:
  • dell'apparato locomotore (muscoli, articolazioni, tendini e legamenti dei vari distretti corporei)

  • di mal di testa (sue varie forme) ed emicrania

  • di squilibrio ormonale ed endocrino (mestruazioni, menopausa, umore ...)

  • nervosi ed emozionali (paure, ansie, stress, cambiamenti improvvisi, lutto, shock, traumi psico-fisici)

  • alimentari, digestivi, intestinali (diversi e molteplici i sintomi possibili)

  • circolatori (come stasi ematica e linfatica)

  • respiratori (eccessi di muco, ipersensibilità, apnee, capacità ...)

  • da raffreddamento (preventivo e di sostegno se in assenza di febbre e stato infettivo )

  • di dipendenza (cibo, fumo, alcool)

  • posturali ed ergonomici

  • nella gravidanza porta beneficio e sostegno, ma anche prima di un eventuale desiderio di concepimento

  • ... e molto altro ancora, in quanto:

"Terapia olistica", considera cioè la persona nel suo aspetto integrale e in un momento dato, lo Shiatsu tende a ristabilire equilibrio ed armonia attraverso il:

  • Rimuovere gli ostacoli che impediscono il normale flusso di Ki

  • Riequilbrare eccessi o carenze di Ki

  • Ridurre squilibri di Ki nell'intero sistema

Possono esserci reazioni (effetto detossinante o del Sistema Neurovegetativo) seguite da un maggior stato di benessere. L'Acqua, è l'elemento da cui proveniamo; il nostro stesso organismo è composto per la maggior parte di Acqua, Acqua salata. L'Acqua, è anche uno dei 5 Elementi (insieme a Legno, Fuoco, Terra e Metallo) teoria base della filosofia Tao, cui attingono anche Medicina Tradizionale Cinese (MTC) e Shiatsu. Proprio l'Acqua, ci restituisce la più semplice e verosimile immagine del concetto di: " LIBERO FLUIRE dell'Energia".



logo
logo


I termini più noti e diffusi per definire il concetto di "Energia" sono: per i giapponesi: "KI"; per i cinesi: "QI" o "Chi"; per gli indiani "Prana"; per noi occidentali: "Forza Vitale". Forza, che se per esempio "ristagna", può comportare problemi e disagi. Un aspetto energetico indagato anche dalla moderna teoria della fisica dei Quanti.

Come si svolge lo Shiatsu:

Lo Shiatsu prevede che la persona da trattare sia vestita con abiti comodi e calzini in fibra naturale. Esiste la possibilità di cambiarsi in studio. Per i trattamenti occorre sdraiarsi sul futon, comodo materasso orientale a terra, ma se la persona è impossibilitata può essere trattata altrimenti, per esempio sul lettino per i massaggi classici.

Le sedute includono accoglienza, esame del problema, trattamento, riscontro sulle reazioni e congedo. Di norma la prima seduta dura dai 60 ai 90 minutil, le successive 60 minuti.

Non si può stabilire a priori durata del ciclo e cadenza delle sedute, ma si valuta caso per caso, incluse le possibilità e gli impegni di ciascuno, come anche gli aspetti economici in rapporto all'efficacia.

Periodi di pausa e dilatazione degli intervalli tra le sedute consentono, se si può e si vuole, di lavorare su se stessi autonomamente, tramite per esempio osservazione e consapevolezza e mano a mano, con rinnovate potenzialità.

ORARI SHIATSU

Dal lunedì al sabato - solo su appuntamento.